Il cibo dell’uomo. Grano e pane in Calabria

di Giovanni Sole (2016)

Il pane è buono da mangiare perché è buono da pensare. Vangelo di Filippo: “Prima della venuta del Cristo, non c’era pane nel mondo, così come nel paradiso, il luogo dove era Adamo. C’erano molti alberi per il nutrimento degli animali, ma non c’era frumento per il nutrimento dell’uomo. L’uomo si nutriva come gli animali, ma quando venne Cristo, l’uomo perfetto, portò il pane dal cielo affinché l’uomo potesse nutrirsi con un cibo da uomo”.

Un cibo è buono da pensare perché è anche buono da mangiare. Proverbi: “Non c’è cibo di re più gustoso del pane”; “Non darmi né povertà né ricchezza, ma fammi avere il pane necessario”. Il pane ha avuto un posto fondamentale nella dieta mediterranea al punto che il termine stesso è diventato sinonimo di cibo o nutrimento.

 

Giovanni Sole Soggetto e regia

Antonio Cuda Montaggio

Giovanni Sole – Antonio Cuda Riprese

Cornelia Golletti - Stefania De Cola Voci narranti